Basta separarsi o devo anche divorziare?

Molto spesso, nel gergo comune, si tende ad utilizzare i termini “separazione” e “divorzio” come se fossero intercambiabili. In realtà non è affatto così.

Separazione e divorzio, infatti, differiscono radicalmente e diversi sono gli effetti che ciascun istituto produce.

Le differenze tra i due istituti attengono, principalmente, ai seguenti diritti: ASSEGNO DI MANTENIMENTO/DIVORZILE, DIRITTI SUCCESSORI, PENSIONE DI REVERSIBILITA’ e TFR.

Di seguito li analizzeremo sinteticamente tutti, prima con riferimento alla separazione e successivamente al divorzio.

Sseparazione è una fase transitoria del rapporto coniugale, in cui i coniugi sono autorizzati a vivere separati, che può trasformarsi in una riconciliazione o, alternativamente, nel divorzio, di cui si parlerà di seguito.

Con riferimento all’ASSEGNO DI MANTENIMENTO(che si definisce così solo in sede di separazione, dal momento che nel divorzio si parlerà di ASSEGNO DIVORZILE), esso ha la finalità di assicurare al coniuge c.d. più debole, ossia quello con il reddito inferiore o privo di reddito, lo stesso tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Il giudice definisce la somma da corrispondersi valutando, caso per caso, le effettive capacità reddituali e patrimoniali dei coniugi, in modo da ridurre al minimo o eliminare la sproporzione economica tra le parti.                                              L’assegno di mantenimento non è dovuto al coniuge cui sia stata addebitata la separazione.

Quanto ai DIRITTI SUCCESSORI, se uno dei coniugi muore mentre la coppia è separata, il superstite succede esattamente come se fosse ancora marito/moglie del defunto. L'art 585, 1 comma c.c., infatti, così dispone: “Il coniuge cui non è stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato”.                                                                Diversa è la situazione nell’ipotesi in cui il coniuge superstite avesse subito l’addebito della separazione (o in caso di separazione addebitata ad entrambi i coniugi): in tal caso, a norma dell’art 548 comma 2 c.c, il superstite ha diritto soltanto ad un assegno vitalizio se al momento dell'apertura della successione godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto, e sempre che la separazione sia stata sancita con sentenza passata in giudicato. Tale assegno è proporzionato non solo alla consistenza dell’eredità, ma anche alla qualità e al numero degli eredi legittimi. In ogni caso, esso non potrà mai essere di entità superiore a quella della prestazione alimentare di cui il superstite godeva.

Relativamente alla PENSIONE DI REVERSIBILITA’, tale diritto non viene meno con la separazione: il coniuge superstite ha diritto alla pensione di reversibilità del defunto, e questo anche laddove egli abbia rinunciato all'eredità (ad esempio perché gravata da debiti). La pensione di reversibilità spetterebbe, in base a pronunce numerose ,anche attuali, della Cassazione, anche al coniuge cui era stata addebitata la separazione (tra le più recenti, Cass. n. 2606/2018).

Infine, con riferimento al TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO(la c.d. “liquidazione” versata al lavoratore nel momento in cui il rapporto di lavoro giunge al termine), il coniuge separato non ha alcun diritto sul Tfr, neanche se egli percepiva l'assegno di mantenimento.

Di conseguenza, se dopo la pronuncia di separazione (ma prima del giudizio di divorzio, ove il TFR invece è riconosciuto, come si dirà) il coniuge percepisce il TFR, nulla è dovuto all'ex coniuge separato, che potrà solamente chiedere al Giudice di prendere in considerazione questa somma ai fini della quantificazione dell'assegno di mantenimento (qualora sia in corso il giudizio di separazione) o di un eventuale aumento dello stesso (in sede di modifica delle condizioni separative).

mantenimento minori

Ddivorzio: con il divorzio cessa definitivamente il vincolo matrimoniale tra marito e moglie, sancendo lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio (quest’ultima si ha se è stato celebrato matrimonio concordatario con rito religioso).

Partendo dall’ASSEGNO DIVORZILE, quest’ultimo è finalizzato unicamente ad assicurare l'autonomia e l'indipendenza economicadel coniuge con il reddito più basso o privo di reddito. Esso può essere corrisposto periodicamente o in unica soluzione, e non è parametrato al tenore di vita goduto nel rapporto patrimoniale (differentemente dall’assegno di mantenimento, come detto).

Quanto ai DIRITTI SUCCESSORI, alla morte dell'ex coniuge il superstite non ha alcun diritto sul patrimonio ereditario. Quest’ultimo è conseguentemente devoluto interamente agli eventuali eredi. Ci sono però delle eccezioni, dal momento che il coniuge superstite può aver diritto alla PENSIONE DI REVERSIBILITA’, come si dirà di seguito, e ad un ASSEGNO GRAVANTE SULL’EREDITA’, ma solo qualora egli percepiva già un assegno di divorzio e si trovi in stato di particolare bisogno.

La PENSIONE DI REVERSIBILITA’del coniuge defunto spetta, in parte, al coniuge divorziato superstite, come disposto dall'art., 9, comma 2°, della legge 1° dicembre 1970, n. 898. In particolare, il coniuge superstite ha diritto ad una quota della pensione calcolata in ragione della durata del matrimonio, del diritto al mantenimento e delle condizioni economiche del soggetto beneficiario.                                  C’è da specificare, però, che la pensione non è dovuta sempre e comunque, ma solo alle seguenti condizioni:

  • il rapporto di lavoro da cui scaturisce la pensione è antecedente alla sentenza di divorzio;
  • il coniuge superstite ha diritto all'assegno divorzile periodico al momento del decesso.
  • Il coniuge sopravvissuto, dopo il divorzio non è passato a nuove nozze (anche perché in tal caso non gli spetterebbe l’assegno divorzile).

Per finire, il TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, come disposto dall’art. 12 bis della L. n. 898 del 1970, spetta nella misura del 40% al coniuge divorziato superstite (con riferimento agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio) qualora quest’ultimo:

  • sia titolare di un assegno divorzile periodico;
  • non si sia risposato.

Alla luce delle citate differenze, è facile comprendere come separazione e divorzio delineino due situazioni diverse.

E, seppur vi siano una serie di diritti che nonostante il divorzio permangono (e che rendono difficile determinare aprioristicamente se “conviene” o meno divorziare, scelta che dipende peraltro dalle peculiarità del singolo caso), è indiscutibile che la separazione rappresenti una situazione di stand by, con conseguente mantenimento del vincolo coniugale.

È solo con il divorzio, infatti, che qualsiasi legame tra marito e moglie cessa in via definitiva.

Lascia un commento



Krystina Sabiston

4 settimane ago

Perfect piece of work you have done, this website is really cool with great info .

tendine a vetro

2 settimane ago

Howdy! Someone in my Myspace group shared this website with us so I came to look it over. I'm definitely enjoying the information. I'm book-marking and will be tweeting this to my followers! Outstanding blog and amazing style and design.

Refractory

2 settimane ago

You could definitely see your skills within the work you write. The sector hopes for more passionate writers like you who aren't afraid to say how they believe. All the time follow your heart.

tendine a vetro

2 settimane ago

I really appreciate this post. I have been looking all over for this! Thank goodness I found it on Bing. You've made my day! Thanks again

tende cucina

2 settimane ago

Some truly prime blog posts on this website , saved to fav.

tendaggio

2 settimane ago

wonderful points altogether, you simply gained a new reader. What would you suggest about your post that you made some days ago? Any positive?

tende a pacchetto

2 settimane ago

Thank you for the good writeup. It in truth was once a amusement account it. Glance complicated to far delivered agreeable from you! By the way, how could we be in contact?

android hacking tools

2 settimane ago

Thanks , I have recently been searching for info about this topic for ages and yours is the greatest I have discovered so far. But, what concerning the bottom line? Are you positive concerning the supply?

vente de produits chimiques de recherche

2 settimane ago

Hello, you used to write wonderful, but the last several posts have been kinda boringK I miss your great writings. Past few posts are just a little out of track! come on!

tefl certification

1 settimana ago

I am often to blogging and i really appreciate your content. The article has really peaks my interest. I am going to bookmark your site and keep checking for new information.

Namibia Luxury Safari Holidays

1 settimana ago

It is best to participate in a contest for the most effective blogs on the web. I will advocate this website!

Namibia Safari Tours https://safariworldtours.com/

1 settimana ago

I got good info from your blog

Travel Info

6 giorni ago

You made some clear points there. I looked on the internet for the topic and found most individuals will go along with with your site.

Travel Info

6 giorni ago

I have been exploring for a bit for any high quality articles or blog posts in this kind of area . Exploring in Yahoo I at last stumbled upon this site. Studying this information So i’m glad to show that I've an incredibly excellent uncanny feeling I found out exactly what I needed. I most indubitably will make certain to don’t put out of your mind this website and give it a glance regularly.

Travel Info

4 giorni ago

You are my breathing in, I have few blogs and occasionally run out from to post : (.

Software Desktop Remoto

3 giorni ago

Very interesting subject, appreciate it for posting. "There are several good protections against temptations, but the surest is cowardice." by Mark Twain.

logo-studio-legale

Contattaci

+39 389 689 52 92
avvteresadecrescenzo@gmail.com

avvteresadecrescenzo@pec.giuffre.it

Via Buccari, 67, 70125 Bari BA

Copyright 2017 Studio Legale De Crescenzo © All Rights Reserved